Viaggio nel mondo di Ramzi, attraverso "Phobiza"

Quello di cui voglio parlarvi oggi è un argomento un po' diverso dal solito, quello della Musica. Se vi state chiedendo come mai abbia deciso di scriverne qui e quale nesso possa esistere con l'ambiente e la Natura, allora continuate a leggere e proverò a raccontarvelo.
Un po' di tempo fa, ascoltando le ultime uscite musicali, mi sono imbattuto in questo interessantissimo album che si chiama Amor Fati ad opera di Ramzi.
Così è intitolata la terza parte del lavoro Phobiza. Ma che cos'è Phobiza? Un'isola,  un luogo mitologico popolato da animali, piante, uccelli e insetti. Un luogo che esplode di vita, rigoglioso, dove si viene rapiti dai colori, profumi e suoni che tutti intorno si fondono, dando vita a qualcosa di magico in cui l'invito a perdersi è irresistibile. L'intento dell'opera è questa, dare all'ascoltatore la possibilità di un'immersione totale, dando immagine e forma, attraverso la musica, a questo Eden. Un'intricata trama di suoni, che brillerà alle prime ore del mattino arrivando al crepuscolo ed infine alla notte, risvegliando le forme di vita che abitano l'oscurità. 
Il genere è qualcosa difficile da descrivere, non di certo un genere Ambient, non solo Elettronica e Synth, ma il risultato che ne esce è davvero pregiato, armonico e bilanciato.

Ramzi, vero nome Phoebé Guillemot, è una giovane artista canadese che ha dato vita ad un genere tutto suo, chiamato da lei Twopikal bounce,  risultato della fusione delle parole "psychoactive"  e "tropical", dove vengono usati frammenti di voci, effetti digitali, percussioni,suoni animali e tanti altri strani elementi, con lo scopo di creare un luogo caldo, una sensazione tropicale, che nello stesso tempo invoglia chi ascolta a saltare e muoversi libero.


Qui si può ascoltare gratuitamente l'intero album:

 https://youtu.be/5nMQU7msoAE


Vi consiglio di ascoltarlo con calma, mentre vi prendete un po' di tempo per voi stessi,  ad occhi chiusi. Detto questo, non mi rimane che augurarvi buon viaggio e buon ascolto.